La taglia e la bilancia Ipotesi di nuove categorie, nelle Corse e i Coursing, per Piccoli Levrieri Italiani e Whippet


Gianni A. Linari


Le corse e i coursing sono le “prove di lavoro” per levrieri nell’ambito Fci

Svolgono la funzione di indirizzo dell’allevamento, facendo emergere specifiche doti psichiche e fisiche.

Le prove si basano su regolamenti redatti da esperti e contengono tutti i riferimenti voluti per il loro regolare svolgimento e per far sì che emergano le doti di cui sopra.

Leggendo i numeri degli iscritti ai Campionati Europei di racing a Gelsenkirchen 2019 (vedi tabelle), dei Whippet e dei Piccoli Levrieri Italiani, ci si rende conto che qualcosa nel meccanismo del regolamento usato per la determinazione delle categorie in Europa ha fatto si che negli anni, il
numero dei cani ritenuti in taglia rispetto e quelli della categoria “Sprinter”(1) ad oggi arrivassero ad equivalersi, o quasi

Il dato sopra riportato è al netto degli iscritti e pertanto non tiene conto dei cani sottoposti a “Misurazione di controllo”(2) che non l’avessero superata e che andrebbero considerati nella categoria “Sprinter”.
Non partecipando gli “Sprinter”, prima del 2017, a Campionati Mondiali od Europei non abbiamo dati statistici antecedenti, che ci confermino o meno queste percentuali, ma è verosimile che non avremmo trovato grosse differenze, poiché un indice attendibile non può essere ristretto ad una o
due generazioni.

Il sistema attuale ha come conseguenza quella di portare ad una maggiore mole dei soggetti per ottenerne il massimo delle prestazioni a parità di categoria.

Così si presume abbiano ragionato gli allevatori che nei decenni ci hanno portato a questi risultati, giusto o sbagliato che sia.

Inoltre il grado di parentela variabile nei Whippet con il Greyhound e nel Pli con il Whippet, sicuro il primo, presumibile il secondo, di per sé produce soggetti in una qualche percentuale al disopra della taglia
desiderata.

Ci dobbiamo chiedere se continuando ad operare con tali parametri avremo una situazione cristallizzata nel tempo con questi prodotti, od otterremo un ulteriore incremento della taglia nella popolazione.

Quella dell’allevamento non è una scienza esatta, almeno per ora.

Con gli strumenti attualmente a disposizione non credo che il rigido sistema attualmente adottato, che arriva a prevedere e riconoscere di fatto una produzione che porta Whippet M a 56 cm, F a 52 e Pli a 41, (senza contare
quelli “over” che sono esclusi dalle prove), possa da solo ricondurre al raggiungimento di una popolazione più “contenuta” nella taglia. Anche ritornando al sistema delle categorie di corsa utilizzate precedentemente non risolveremmo il problema di un’incidenza consistente di cani che
superano la taglia sulla popolazione esistente; ne è prova il numero così ampio degli “Sprinter” ad oggi raggiunto, che sta a significare che il “carattere” è ormai così talmente diffuso che rimarrebbe ad incidere in maniera consistente in un lunghissimo periodo.

C’è la necessità di adottare un sistema di prove che non spinga gli allevatori ad estremizzare le loro scelte, di fatto un sistema che premi sul campo i soggetti, che allo stato attuale del regolamento, non trovano spazio di valorizzazione, ovvero i più piccoli e quelli di medie dimensioni.

Per fare questo una regolamentazione di gara come l’attuale non lo permette.

Di fatto si è dimostrato che l’utilizzo del parametro della taglia per la classificazione delle categorie di gara, non incide nel contenere maggiormente l’altezza nei parametri voluti, anzi. Il reperimento
della misura a fini statistici oltre che di controllo resta comunque fuori discussione.

Inoltre il sistema del controllo taglia, così partorito e gestito è e rimane un sistema imperfetto e non perfettibile, soggetto a troppe variabili, che viene percepito spesso come ingiusto e punitivo, variabili sottoposte alla soggettività del giudice, alle condizioni ambientali, che incidono sull’umore
dei cani e al sapiente o meno lavoro di dressaggio operato dai proprietari, non un dato sempre certo, come dicevo, che non porta ad un risultato inconfutabile tale da costruirci sopra un intero sistema di
selezione.

Dogsportal Redazione

Il portale italiano su cani, sport & società. info@dogsportal.it

Dogsportal Redazione
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: