Perché scegliere un antiparassitario spot on combinato per il nostro cane?

I nostri amici animali sono un facile bersaglio per diversi parassiti che possono minare la loro e la nostra salute.

I più comuni parassiti che possono attaccare il nostro cane sono pulcizecchepappataci e zanzare.

Come possiamo difendere il nostro cane da tutti questi parassiti?

La risposta è scegliere i migliori antiparassitari per cani.

Cerchiamo di saperne di più.

Che cos’è un antiparassitario spot on combinato?

Un antiparassitario spot on combinato è un prodotto che contiene piu’ principi attivi in modo da agire su differenti parassiti.

Gli antiparassitari spot on combinati agiscono su diversi parassiti: pulci, zecche, pappataci e zanzare.

L’azione combinata permette di trattare ed eliminare i parassiti già ospiti del nostro cane ma anche di prevenire da nuove infestazioni.

L’efficacia degli antiparassitari combinati sta nel fatto che con un solo prodotto possiamo eliminare diversi tipi di parassiti e proteggere il nostro Fido da nuovi attacchi e da possibili malattie.

Solitamente è venduto in pipette monodose per un’applicazione più semplice e controllata.

Parassiti più comuni

I parassiti più comuni che minacciano i nostri cani sono definiti parassiti esterni.

Si trovano in ambienti umidi come prati, aiuole, cespugli e possono trovare rifugio anche in casa ed essere un pericolo anche per l’uomo.

I parassiti esterni vivono e si accrescono all’esterno dell’ospite, si annidano sul manto nel nostro cane e da lì possono proliferare e insidiarsi nella cute.

Spesso possiamo accorgerci della presenza di parassiti dal comportamento del nostro cane.

Il prurito infatti è uno dei campanelli d’allarme più comune ma non sempre si manifesta.

Ma quali sono i parassiti esterni dai quali dobbiamo proteggere il nostro cane?

Pulci

Le pulci sono piccolissimi insetti di colore nero/marrone.

Vivono per lo più in campagna ma trovano ambienti confortevoli anche in città.

Si annidano sulla cute del nostro cane nutrendosi del suo sangue e depositando migliaia di uova.

Possiamo capire se il cane ha le pulci da diversi segnali: puntini neri sul manto (feci della pulce), prurito, pelo spezzato, cute arrossata e infiammata.

Zecche

Le zecche sono piccoli animaletti simili ai ragni. Si nutrono del sangue dell’ospite e possono facilmente passare da una specie all’altra e per questo sono molto pericolose anche per l’uomo. Tendenzialmente sono attive tra la primavera e l’estate ma alcune possono sopravvivere anche a temperature più rigide. Sono facilmente riconoscibili perché sono nere e una volta aggrappate al pelo possono crescere in maniera esponenziale.

Pappataci

Sono animaletti della grandezza di 2-3 mm molto somiglianti alle zanzare. Sono molto pericolosi per il cane perché sono portatrici di malattie come la Leishmaniosi. Le femmine di pappataci pungono l’ospite per succhiare il sangue e permettere così la produzione delle uova. Tendenzialmente si trovano in ambienti caldi e umidi e nelle nostre zone sono molto attivi tra maggio e ottobre.

Quando i pappataci minacciano la salute del nostro cane, è possibile trattarlo con prodotti studiati appositamente per contrastare i danni causati da questi pericolosi insetti. Contro il pappatacio, è possibile associare all’azione repellente, anche un’azione insetticida: non potendo compiere il suo pasto a base di sangue (azione repellente o anti-feeding) l’insetto andrà inevitabilmente incontro alla morte (azione insetticida) scongiurando così anche il rischio di colpire e infestare altri cani.

Zanzare

Le zanzare sono insetti vettori di diverse importanti patologie; le cui femmine sono ematofaghe, compiono cioè un pasto di sangue. La puntura di zanzara è nota per creare irritazione e provocare una reazione di ipersensibilità che può manifestarsi in animali e persone.

Le zanzare svolgono un ruolo fondamentale nella trasmissione di importanti malattie che colpiscono l’uomo, come malariaencefalite viralefebbre giallafebbre chikungunyae dengue. Nel cane, le zanzare sono vettori dei vermi nematodi Dirofilaria Immitis (responsabile della Filariosi Cardiopolmonare) e Dirofilaria Repens (responsabile della Filariosi Sottocutanea).

Quando le zanzare minacciano la salute del nostro cane, è possibile trattarlo con prodotti studiati appositamente con un’azione insetticida e repellente. 

Malattie trasmesse dai parassiti

Pulci

  • Dermatite allergica da pulci
  • Bartonellosi (malattia batterica)
  • Teniasi da Dipylidium caninum (parassitosi intestinale)
  • Anemia
  • Prurito, stress, dimagrimento

Zecche

  • Ehrlichiosi (grave malattia che colpisce la parte corpuscolata del sangue, può essere trasmessa anche all’uomo)
  • Babesiosi (grave malattia che colpisce i globuli rossi, può essere trasmessa anche all’uomo)

Pappataci

  • Leishmaniosi (grave malattia che può avere una sintomatologia molto complessa che, nei casi più gravi, può causare la morte dell’animale.)

Curare, ma anche prevenire: ecco come funzionano i migliori prodotti 

L’azione contro zecche, pulci, zanzare e pappataci non può che svilupparsi in due fasi. 

In primo luogo, diventa necessario disinfestare e interrompere il ciclo riproduttivo di taluni parassiti. Spesso infatti il problema non è costituito soltanto dai parassiti che hanno già trovato albergo nel nostro amico a quattro zampe, ma in misura maggiore da larve, pupe e uova. 

Per questo diventa assolutamente necessario scegliere un prodotto che non solo sia in grado di eliminare i parassiti già visibili, ma anche di quelli in divenire, che potrebbero inoltre essere diffusi già negli ambienti maggiormente frequentati dal nostro cane. 

Intervenire per eliminare e poi per prevenire la ricomparsa delle pulci e degli altri parassiti. Prevenire e curare insieme: cosa che possiamo ottenere anche in un solo prodotto, se basato sulla tecnologia chimica giusta.

Dogsportal Redazione

Il portale italiano su cani, sport & società. info@dogsportal.it

Dogsportal Redazione
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: