GAME TACTICAL DOG: un mix divertente tra softair, ricerca, utilità e difesa.

Qualche settimana fa, cercando online del materiale per la passione che mi riempie le domeniche oltre alla cinofilia, il softair, mi sono imbattuto nel sito della FIGT Federazione Italiana Gioco Tattico dove la mia attenzione è stata immediatamente catturata da un foto. 

Un bellissimo pastore belga Malinois in posa su un sito di Softair, perché questa foto all’interno del sito?

Subito spiegato, si tratta di GAME TACTICAL DOG

Il Game Tactical Dog (G.T.D.) nasce dall’unione di due discipline sportive internazionali: il Soft- Air e l’addestramento cinofilo per Utilità e Difesa. L’idea unica nel suo genere è venuta ad Orvieto a Fabio Chianello, istruttore cinofilo Utilità e Difesa Mondioring ENCI e Daniele Cardarelli. Daniele, ex militare con la passione per il softair si reca al centro Lupi Etruschi con il suo giovane cane Aron dove conosce Fabio; da questo incontro nasce una amicizia e la voglia di creare qualcosa per unire le loro passioni. 

La sicurezza del cane prima di tutto.

Creare una nuova disciplina e regolamentarla non è affatto facile, in articolare se all’interno di prevede anche l’utilizzo di Asg (air soft gun, replica di un arma con potenza massima 1 joule). Le prime cose che Fabio mi ha sottolineato al telefono nel colloqui avuto prima della stesura di questo testo sono legate alla sicurezza. La replica (Asg) deve essere maneggiata e portata con la sicura inserita in tutti gli spostamenti, le prove non mettono mai il cane in situazioni potenzialmente pericolose. 

Obbedienza, Fiuto e Difesa

La disciplina si divide in tre fasi principali, la prima fase è di obbedienza (condotte, posizioni..) il binomio deve dimostrare l’affiatamento, la complicità e la tecnica. Attraverso un percorso ben definito di spostamenti il conduttore dovrà eseguire insieme al cane gli esercizi e quando richiesto colpire i bersagli posizionati. Nella seconda parte della prova troviamo un esercizio di fiuto (ricerca). Il primo livello prevede ad esempio l’inserimento all’interno di una valigetta di un oggetto conosciuto dal cane che dovrà rintracciarlo tra varie valigette uguali (segnalando con un abbaio, un seduto o altro..). La terza fase prevede l’arresto di un figurante che tenta la fuga.

Il regolamento completo potete trovarlo all’interno del sito della FIGT

Fabio e Daniele hanno pensato a tutto, l’attività è aperta a tutti i cani a prescindere da razza (e non) e taglia. Due binomi (unità cinofila) possono partecipare in accoppiata dividendosi alcuni esercizi. Questo permette a tutti di cimentarsi in questa attività, anche ad esempio se il proprio cane non è portato per le attività con il figurante.

Insomma, una attività divertente, non convenzionale che prende una serie di esercizi dal mondo della “cinofilia operativa” riproponendoli in una simulazione che richiede al binomio uomo cane tanto affiatamento.

L’idea è che l’unità cinofila si senta coinvolta e si immedesimi nella situazione come se fosse un reale scenario tattico, uno dei punteggi assegnati è legato anche al vestiario che deve essere più in tema Game Tactical Dog possibile. 

Una nuova disciplina da praticare con il proprio cane senza annoiarsi.

Che dire, questo è il GTD! Spolverate le mimetiche, presto anche in Veneto uno stage con Fabio, Daniele ed Aron!

Paolo Friso

Staff Borgocinofilo Mikamale ASD Team Manager Borgorun (squadra Canicross) Referente per la comunicazione di Canicross Italia Csen

Avatar

Cosa ne pensi?

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: