Il Canicross questo sconosciuto: ma se lo conosci, lo ami.

Il Canicross questo sconosciuto

 Di Katia Franzese per Canicross Italia Csen

Stai correndo col tuo cane, non libero ma imbragato a te, tramite questo aggeggio infernale che chiamiamo cintura, che ti obbliga a tenere il passo del maledetto che ti corre davanti e che sembra pensare “Sono anni che aspettavo questo momento!! Finalmente posso tirareeeeeeee……” e tu stai perdendo un polmone per strada, o stai provando a non cadere se sei appena partito, o stai cercando di ricordarti come ti chiami se avete già percorso qualche chilometro…ed eccoli lì, i runner, si muovono verso di te nei loro completini scintillanti mentre ti guardano con aria di sufficienza… :

“eh certo…comodo farsi tirare eh….”. Ecco. 

Lo ammetto, le prime volte ho sorriso.

Erano i miei primi passi nel canicross, il mio cane non tirava molto, quindi avevo modo di farlo.

E pensavo tra me e me

“Caspita, devo trovare il modo di far conoscere questo sport…”.

Poi gli anni sono passati, il movimento è cresciuto, i cani hanno imparato ad essere la metà di un binomio, la cintura è diventata uno strumento fondamentale e plasmabile sulle nostre diverse esigenze, e noi abbiamo capito cosa vuol dire veramente correre INSIEME.

Noi siamo cresciuti, sì, ma siamo ancora un movimento poco conosciuto, soprattutto al di fuori della cinofilia.

Tutti ormai sanno cos’è l’Agility per esempio, ma pochissimi sanno cosa sia il canicross.

Quindi mentre stai faticando dietro alla tua pelosa metà (questo non cambia…è sempre una faticaccia!!) ritrovi i simpatici runners, che ti ridicono la stessa simpatica cosa: “eh certo…comodo farsi tirare eh…”. Ecco.

Lo ammetto, non rido più. Se ho fiato per rispondere ringhio un “VUOI PROVARE TUUU????”.

Mi sono sempre chiesta cosa facesse pensare che correre con qualcuno davanti che ti tira, fosse più facile che andare al tuo ritmo, poi ho capito: il problema è la velocità!!

Quindi chiariamo questa cosa: Sì, facendo canicross si va più veloci che correndo da soli. La differenza la fa il cane? Sì.

Chiunque con un cane velocissimo farebbe delle ottime performance? No.

E qui arriva il nocciolo della questione, non di facile comprensione da tutti.

Proviamo così: se Bolt vi prende per mano e correte per 100mt, fate il record del mondo insieme? Ovviamente no….

Andate più veloci che da soli? Sì.

Se poi vi molla lì e prende per mano vostra madre, farà lo stesso tempo che ha fatto con voi? Ovviamente no….ecco!

In un binomio contano in ugual modo entrambi gli elementi.

Ora immaginate di fare non 100mt, ma 5 Km per mano a Bolt, e potete iniziare a immaginare che fatica si faccia a correre con qualcuno che da solo andrebbe moooolto più veloce di voi!

Il Canicross è uno sport, bellissimo, costituito da due elementi distinti, uomo e cane, che come per magia durante la corsa diventano una cosa sola.

Oddio…in realtà non è proprio una magia, e non avviene solo durante la corsa…. Avete presente l’indovinello “nasce prima l’uovo o la gallina?”, ecco…io non ho ancora capito se quel rapporto simbiotico che sentiamo mentre corriamo insieme, nasce in quel momento o se quel momento è l’espressione massima di un rapporto che viene costruito fuori.

Ma forse è un po’ di entrambe le cose…

Noi tutti abbiamo un rapporto speciale con i nostri cani, facciamo con loro diverse esperienze, condividiamo momenti belli e brutti, ci prendiamo cura di loro, spesso dormiamo con loro.

Ma chi come me corre con loro, SA.

Sa che quell’alchimia che quasi si tocca durante una corsa insieme si manifesta solo in quel momento, ed è così particolare da non essere spiegabile.

Tu spingi, spingi con le gambe per alleggerire il traino a quel matto davanti.

Poi passati i primi 100mt di follìa, si prende il ritmo ed eccola lì, la magìa: i tuoi passi diventano cadenzati e le sue zampe suonano la tua stessa sinfonìa.

Il tuo respiro è corto e il suo anche. Tu ti domandi se lì davanti va tutto bene, se si sta divertendo, e lui si gira a cercare il tuo sguardo per l’approvazione….capite?

E’ in quel momento che diventate un binomio!

Tu lo fai per lui e lui lo fa per te. Ed è Magìa.

Ma non è tutto rose e fiori eh…

Canicross è anche perdere una gara perché non ti sei preso la giusta cura della routine mattutina, e non gli hai fatto fare la cacca, e indovina?

Gli scappa prooooprio mentre stai facendo il tuo record personale,

e si…ti devi fermare!

Non ti puoi arrabbiare, aveva bisogno, e poi lo sai che è colpa tua!

La prossima volta secondo me starai più attento 😉

L’amore è o non è prendersi cura uno dell’altro?

E’ o non è preoccuparsi se la tua metà sta bene?

E’ o non è divertirsi insieme?

E’ o non è danzare sulla stessa musica?

Bene.

Il canicross è tutte queste cose. Il canicross è Amore. Amore per il tuo cane. Amore per lo Sport. 

Nel weekend del 23-24 Marzo 2019 a Sezzadio in provincia di Alessandria, si terrà il nostro appuntamento più importante a livello Italiano: Il Campionato Nazionale di Canicross Bikejoring e Scooter, altre due specialità di cui vi parleremo a breve.

Mi piacerebbe che veniste tutti a vedere con i vostri occhi quello che vi ho descritto e molto di più: quanta fatica, preparazione, dedizione, sudore e lacrime c’è dietro ad una gara che dura 10-15 minuti. Quanta meticolosità c’è nel pre-gara e quanta felicità e spensieratezza dopo. Se poi vi ho incuriosito e volete buttarvi insieme a noi, c’è la categoria HappyDog che vi aspetta per mettervi alla prova sullo stesso tracciato dei nostri campioni, ma senza la pressione di una gara importante. Venite, provate e….non ci lascerete più!

Dogsportal Redazione

Il portale italiano su cani, sport & società. info@dogsportal.it

Dogsportal Redazione

Cosa ne pensi?

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: