Italo Orrù, il Sindaco sardo del Trophèes Des Montagnes

Italo Orrù, una figura di riferimento per il Canicross in Sardegna, il SINDACO del Trophees des Montagnes, una delle persone che ha fatto in modo che in Sardegna, ma non solo il movimento lievitasse e diventasse qualcosa di importante.

Come ti sei avvicinato al canicross?

Al canicross mi sono avvicinato così per caso. Partecipando alle Ultramaratone, precisamente Marathon des Sables (240km), gara del deserto, ho conosciuto degli amici che mi hanno invitato all’ ARRANCABIRRA. Una gara goliardica di 18km a cui si poteva partecipare con i cani, 9km in salita 9km in discesa, ogni 3 km era possibile bere 0,33 di birra. Partecipai a questa gara con Maya e divertendoci arrivammo  3°.  Ero solito allenarmi con i cani, informandomi sul web e su consiglio di alcuni amici decisi così di fondare CANIX ITALIA (nome ripreso da altre Associazioni di altri Stati che si adoperano per la promozione del Canicross). L’intento era creare un Associazione Italiana che mettesse in risalto l’Atletica e il Canicross racchiudendo all’interno le persone che vogliono praticare questo sport diversamente da quelle presenti nel mondo dei Musher dove il Canicross tutt’ora è ancora definito DOGTREKKING.

Com’è nata CANIX ITALIA?

CANIX ITALIA è stata fondata nel Dicembre del 2011 e nel 2012 con il primo web articolo dello CSEN presentavo l’attività proposta in Sardegna e richiedevo se ci fossero altre associazioni nel resto dell’Italia. Così mi contattò Franco Quercia dicendo di praticare anche lui la stessa attività e decidemmo di fare un incontro insieme ad altre persone interessate a portare avanti questa disciplina. I partecipanti furono persone conosciute ormai all’interno del movimento come Sara Gualco, Francesco Bellocchio, Maurizio Pagliarini (che già da almeno una decina d’anni prima si interessava alla corsa con i cani chiamandolo Dog Trekking). Nel 2013 c’è stata la prima attività internazionale, e abbiamo partecipato al campionato Europeo in Svizzera e da li poi abbiamo avuto la piena consacrazione dell’attività italiana a livello internazionale.

Il canale telegram di Dogsportal.it

Contatti con l’estero e con altre realtà?

Da subito ho cercato di avere contatti con le varie realtà sia nazionali che internazionali e pertanto ho partecipato al TDM che ritengo sia come un Campionato Europeo che dura 10 giorni, molto interessante che ti permette di avere un contatto più continuo con persone che vivono differenti realtà rispetto alla nostra e poter crescere e confrontarsi.

Mi hanno detto che vieni definito il Sindaco del TDM. E’ vero?

Il SINDACO DEL TDM, Perché? Sono quasi 7 anni che partecipo alla gara e pertanto sono il punto di riferimento per tutti i vecchi e nuovi che si affacciano a questa esperienza.

Mi interessa che sia un gruppo il più eterogeneo possibile che non abbia la connotazione di una o l’altra federazione ma che si riconosca sotto lo spirito del divertimento, che voglia vivere una buona esperienza atletica e agonistica e soprattutto passi una bella vacanza per 10 giorni con il proprio cane in degli scenari ambientali bellissimi.

In Italia hai collaboratori?

Ho cercato di aver contatti anche con i Musher e con la dirigenza in modo da smussare certe incomprensioni e creare un ponte tra il mondo Canicross e i Musher della FIMSS e CIS. In seguito ad alcune incomprensioni ho mollato un po il nazionale, preferendo la promozione dell’attività in Sardegna che sta avendo un ottimo successo come si riflette dalla partecipazione alle gare sia a Cagliari che a Olbia.

E in Sardegna come si sta evolvendo il CANICROSS?

In Sardegna stiamo cercando di avere una diffusione capillare sul territorio in più aree, un responsabile generale nell’ambito della Sardegna e più responsabili dislocati nelle zone per avere un maggior contatto con gli atleti direttamente e poi per poter promuovere le attività settimanali di allenamento o divulgazione.

PER QUANTO RIGUARDA LE GARE IN SARDEGNA?

Buona partecipazione di Atleti, essendo la Sardegna un Isola non è facilmente accessibile da tutti. Mentre altre regioni possono avere l’apporto di atleti che  arrivano anche da regioni vicine. Noi possiamo contare solo sulle nostre forze. Nonostante ciò abbiamo potuto contare su circa 20 atleti nella sezione agonistica in entrambe le gare e bellissima prima volta alla gara di Olbia abbiamo avuto la partecipazione anche di 3 atleti da oltre mare.

Il futuro ben ci fa sperare. In entrambe le gare circa 15 bambini hanno partecipato alla nostra manifestazione (7 a Cagliari, 8 a Olbia), i bambini sono il nostro futuro, dobbiamo investire nella divulgazione soprattutto in questo settore se vogliamo crescere.

Marketing su Dogsportal.it
Dog waterpark su dogsportal.it
Dogsportal Redazione

Dogsportal Redazione

Il portale italiano su cani, sport & società. info@dogsportal.it

Cosa ne pensi?

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: