Il mare d’inverno. Cosa fa il cane “bagnino”?

Di  Christian Cavina

Inverno.

Le giornate si sono accorciate e il nostro cane bagnino Buck ha già aumentato le sue ore di sonno…si dorme di più ma non ci si ferma mai con gli allenamenti!

Il fisico va sempre tenuto in forma e gli esercizi di obbedienza, soprattutto in presenza di distrazioni, vanno continuamente ripassati e rafforzati.

Così il labrador Buck che nella scorsa stagione estiva ha affiancato il suo conduttore, il bagnino Christian Cavina, nel lavoro in torretta per la salvaguardia della balneazione sulle spiagge di Senigallia, alterna ogni giorno le sue ore di meritato riposo con passeggiate all’aria aperta, gioco con i suoi familiari a due e quattro zampe ad allenamenti a terra e sessioni di lavoro in spiaggia.

Christian attraverso il gioco e i bocconcini come premio lo mantiene quotidianamente allenato lavorando sull’obbedienza avanzata (condotta, richiamo, riporto, seduto,terra/resta, invio in avanti verso il pericolante con baywatch o verso una determinata zona o oggetto)soprattutto in presenza di distrazioni come i suoi “fratelli” Labrador liberi in giardino e pronti a giocare con lui o di persone se programma l’allenamento in luoghi pubblici).

A volte Christian esegue con Buck i percorsi di rally- obedience, disciplina che pratica con gli altri suoi cani, perché è ottima per rafforzare il rapporto del binomio e per ripassare tanti esercizi di obbedienza in un unico percorso di pochi minuti che fa sempre divertire il cane.

Si vede che a Buck mancano le lunghe nuotate

è sempre carico a mille e ha bisogno di sfrenate corse e di salti (ostacoli, tavoli, panchine, ma in allenamento si usano anche pedane basculanti che fungono da pattino in acqua) per scaricarsi un po’.

Questa estate abbiamo acquistato una piscina per allenarci e abbiamo in programma di metterla al coperto per le sessioni di allenamento invernali…

E se piove?

Per lui e’ una gioia correre sotto l’acqua, strisciarsi sull’erba bagnata e cercare una pozzanghera dove correre per schizzarsi un po’… adora sentirsi bagnato per poi essere accarezzato da un asciugamano che lo asciuga come accadeva dopo gli amati bagni in mare.

A febbraio- marzo con le prime giornate di sole si tornerà al mare per allenarsi tra le onde e lui non vede l’ora.

Anche adesso che inizia il freddo se gli si chiede: “Buck andiamo al mare? “inizia a scodinzolare, a saltarti addosso e ad abbaiare come per dire “dai andiamo non vedo l’ora!”

Dogsportal Redazione

Dogsportal Redazione

Il portale italiano su cani, sport & società. info@dogsportal.it

Cosa ne pensi?