Cina: non potranno più essere mangiati i cani

Cani, gatti e molti altri animali esclusi da carne considerata da bestiame e quindi allevata per scopi alimentari

Tutto è partito grazie o sarebbe meglio dire a causa della pandemia.


E’ importante precisare che la Cina è un continente con quasi un miliardo e mezzo di abitanti ( L’Italia ne conta circa 60 milioni).

Solo una minima parte della popolazione però ha abitudini alimentari legate al consumo di carne di cane.

A seguito dell’emergenza sanitaria scoppiata a Wuhan, la prima città cinese a vietare il consumo di carne di cane è stata Shenzhen.

Ora è molto probabile che si arriverà ad un divieto totale a livello nazionale.

Questo grazie ad una proposta di legge ( appunto a livello nazionale) che è attualmente nella sua fase di «consultazione aperta» al pubblico per suggerimenti e migliorie.

Questo divieto non arriva soltanto a causa dell’emergenza sanitaria.

Da tanti anni la Comunità internazionale preme, ma soprattutto è la Cina stessa che da sempre convive con una forte tradizione cinofila.

La dog economy legata ai cani di famiglia, agli sport come il disc dog e all’allevamento di storiche razze canine cinesi…è ormai esplosa da molti anni.

Un giro d’affari annuo stimato tra i 20 e i 30 miliardi di dollari.

Un buona notizia almeno per i cani…

Dogsportal Redazione

Il portale italiano su cani, sport & società. info@dogsportal.it

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: