Con il cane dal veterinario: come, dove e quando

Chi possiede un cucciolo di cane deve comprendere che l’incontro con il veterinario di fiducia deve essere un’esperienza regolare e praticamente obbligatoria. Che si scelga uno tra i migliori veterinari a Roma o un professionista di una città vicina poco importa, basta che si trovi una persona esperta, in grado di trattare amichevolmente con i cani e di chiara fama.

Quando andare dal veterinario

Ci sono delle occasioni in cui andare dal veterinario è ineluttabile, come ad esempio i vaccini periodici o anche l’eventuale intervento di sterilizzazione.

Mentre il cane cresce è importante fargli vivere la visita dal veterinario come una normale esperienza, da farsi non solo quando si ha qualche sintomo particolare.

Solitamente una singola visita all’anno può essere più che sufficiente, da effettuare di preferenza verso la primavera.

Questo consente di sfruttare un singolo incontro per i vaccini necessari, e anche eventualmente per un trattamento antipulci o per un controllo su varie malattie endemiche del luogo in cui si vive. Ovviamente nei primi mesi di vita del cucciolo le visite saranno molto più ravvicinate, del resto se non si ha grande dimestichezza con i cani è importante chiedere informazioni al veterinario ogni volta che se ne sente la necessità.

Nel corso della vita del cane

Continuando a mantenere fisso l’incontro annuale, durante il quale il veterinario di fiducia potrà anche valutare lo stato generale di salute del cane, ci sono poi altre occasioni in cui è importante recarsi dal veterinario. Non tutti i cani mostrano al proprietario quando hanno qualche tipologia di sofferenza, ci sono però dei sintomi facilmente individuabili. Non necessariamente si tratterà di problemi gravi, ma il veterinario saprà consigliarci in modo adeguato.

Un classico esempio è quando il cane mostra evacuazioni che potremmo definire “bizzarre”, diverse dal solito; la dissenteria o la costipazione possono essere dovute a particolari alimenti mangiati nelle ore precedenti, ma è sempre bene fare un controllo. Si consiglia di portare dal veterinario anche il cane che smette di giocare, che dorme troppe ore al giorno, che si mostra apatico. Questi comportamenti sono correlati a moltissime malattie e potrebbero anche essere causate da una semplice contusione, meglio però chiedere consiglio al veterinario.

Quando è troppo tardi

Purtroppo anche i cani giovani possono avere sintomi causati da patologie gravi. In taluni casi a provocarli può essere anche l’accidentale ingestione di un veleno, o di un alimento non sano trovato al parco. Per evitare brutte sorprese è bene evitare di attendere troppo a lungo quando il cane mostra evidenti segni di sofferenza.

Moltissime malattie oggi si possono tranquillamente curare, ma solo se prese per tempo.

Se il nostro cane improvvisamente smette di giocare, o dorme tutto il giorno, o ha un evidente calo nel normale appetito, conviene sicuramente portarlo dal veterinario, senza attendere oltre. Se poi si tratterà di piccole problematiche facilmente risolvibili, meglio ancora.

Il cane dal veterinario

Andare periodicamente dal veterinario, sempre dallo stesso possibilmente, consente all’animale di sentirsi in una situazione meno stressante, meno particolare.

Questo gli può dare maggiore tranquillità mentre si trova in sala d’aspetto, così come può anche consentirgli di instaurare un rapporto positivo con il veterinario stesso.

Per molti cani la visita dal veterinario è un momento assai stressante, soprattutto perché il proprietario è altrettanto ansioso e ci si trova in una situazione diversa dal solito, in un luogo con odori stranissimi e popolato da altri animali.

Inoltre molti animali vanno dal veterinario solo raramente, solo in occasione di grandi problemi di salute; è inevitabile che associno lo studio del veterinario con esperienze negative del passato, cosa che impedisce loro di avere un buon rapporto con il professionista.

Dogsportal Redazione

Dogsportal Redazione

Il portale italiano su cani, sport & società. info@dogsportal.it