Nose Work: mettiamo in moto l’olfatto

Nose Work, chiudiamo i cassetti!

di Veronica Hofmann

Nel momento in cui il cane esplora con entusiasmo e regolarità tutto il laboratorio, senza chiederci aiuto mentre sta cercando, siamo pronti per il passo successivo: la ricerca tramite olfatto. 

Quindi… chiudiamo i cassetti!

A questo punto è bene ricordare l’eredità trasmessa al cane dal lupo. Per sopravvivere il lupo cerca di avere il massimo beneficio con il minimo sforzo: nonostante il formidabile olfatto, questo non è il primo senso utilizzato nella ricerca di cibo. La fonte di cibo più economica è sicuramente la più vicina, quella individuabile a vista. Se non c’è una preda a vista, si prova ad identificarla con l’udito. Nel momento in cui nessuno di questi sensi è di aiuto per riempire la pancia, ecco che il lupo, e quindi anche il cane, mette in moto l’olfatto: prima annusando l’aria poi, come ultima spiaggia, mettendo il naso a terra in cerca di una traccia.

Torniamo al nostro laboratorio. 

Questa parte dell’addestramento è molto delicata. Lo scenario è cambiato ed il cane deve per forza utilizzare l’olfatto, non può più aiutarsi con la vista. L’impegno e le risorse impiegate sono decisamente importanti e bisogna programmare bene il lavoro per dar modo al cane di continuare a divertirsi senza stancarsi eccessivamente. 

In queste prime ricerche “al buio” appena raggiunto il cassetto giusto dobbiamo aprirlo e lasciare che il cane si premi mangiando il cibo. La tempistica è fondamentale. In poco tempo porteremo il cane a cercare con più accuratezza ed inizieremo ad impostare la risposta finale che desideriamo.

Ma di questo vi parlerò la prossima volta.

Dogsportal Redazione

Il portale italiano su cani, sport & società. info@dogsportal.it

Dogsportal Redazione

Cosa ne pensi?

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: