Anche la Francia dice STOP alla vendita di cani in negozio. Quando in Italia?

Dopo Londra anche Parigi inasprisce pene e regolamento per i benessere animale in Francia

Svolta storica in Francia, dove da poco il Governo ha approvato una serie di riforme che riguardano il benessere animale: tra le nuove misure, anche lo stop alla presenza di animali selvatici nei circhi itineranti entro 7 anni, il divieto di detenzione di cetacei nei delfinari entro 5 anni e quello di allevamento di visoni americani e altre specie per la produzione di pellicce.

Stop alla vendita di cuccioli nei negozi

Grazie alla legge appena approvata dal parlamento transalpino, dal 1 gennaio 2024 è vietata la vendita di cuccioli di cani e gatti nei negozi di animali, oltre al divieto di esporre animali in vetrina. Per chi vorrà comunque acquistarne uno in un allevamento oppure adottarne in un rifugio, è prevista l’Istituzione di un «certificato di conoscenza» che menziona le esigenze specifiche della specie in questione in modo da favorire un’adozione maggiormente consapevole. Inoltre si continuerà a contrastare il traffico illegale di specie protette, fragili, pericolose, inadatte ai territori di destinazione e gli acquisti compulsivi grazie ad una supervisione delle vendite di animali online. Un controllo pensato anche per tentare di  limitare il fenomeno dell’abbandono che vede i francesi primi in Europa e in aumento nel post pandemia.

Ecco le misure principali del disegno di legge

  • Divieto di vendita di cuccioli di cane e gatto nei negozi di animali dal 1 gennaio 2024 e divieto di esposizione di animali nelle vetrine dei negozi;
  • Supervisione della vendita di animali online per contrastare il traffico illecito di animali e gli acquisti “d’impulso”;
  • Istituzione di un certificato di conoscenza prima dell’acquisizione di un animale domestico, che menzionerà le esigenze specifiche dell’animale per evitare l’acquisto per capriccio;
  • Inasprimento delle pene applicabili in caso di gravi abusi e atti di crudeltà verso un animale, e in caso di abbandono;
  • Fine dello sfruttamento commerciale delle specie selvatiche , vietandone l’acquisizione e la riproduzione entro 2 anni e la loro presenza nei circhi itineranti entro 7 anni;
  • Divieto di detenzione di cetacei nei delfinari entro 5 anni;
  • Divieto di allevamento di visoni americani e animali di altre specie allevati esclusivamente per la produzione di pellicce.
Londra vieta la vendita dei cani in negozio

Quando in Italia?

In Italia non c’è una legge che vieti la vendita di cuccioli nei negozi. Le norme nazionali, sancite dall’Accordo Stato Regioni del 2013, prevedono il divieto di vendita e cessione di cani e gatti di età inferiore ai due mesi (a eccezione dei casi in cui devono essere allontanati dalla madre per motivi sanitari certificati da un veterinario). L’età minima diventa di tre mesi se il cucciolo è di importazione (regolamento della comunità europea 998/2003).

Dogsportal Redazione

Il portale italiano su cani, sport & società. info@dogsportal.it

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: