Intervista ad un Maltese Felice

Bianchi come neve, vaporosi come nuvole, fieri nel portamento, simpatici, affettuosi, intelligenti, portatori sani di felicità, così sono i maltesi.

Ma chi è e come ama vivere un “maltese felice”?

Intervista ad un Maltese Felice

D. Ciao Teo ci dicono che tu sia un grande sportivo, possiamo chiederti qual è l’attività che preferisci?
R. Ti stupisce? Sono un cane robusto, imparo in fretta, rustico e molto veloce!
Forse rispondere che rotolarmi nel fango misto ad altro (…) è poco glamour per te, ma sicuramente camminare e correre libero nella natura è la cosa che più mi appaga. Adoro i prati, le foglie secche, la terra bagnata, il sole e i fiori. Che io sia bianco non mi interessa: trovo che foglie e fango mi donino molto!

D. Teo cos’è la bellezza per te?
R. Cosa è bello per me lo decide principalmente il mio naso. Io sento gli odori, ma soprattutto le emozioni. L’aspetto esteriore non m’interessa. Il bello è il tuo “io”.

D. Qual è la prima cosa che hai imparato ?
R. Lo ricordo bene… Ero piccolo con i denti aguzzi, un’arma micidiale per tutti i piedi del mondo. La prima cosa che ho imparato fu a non mordere, che la bocca ha altre funzioni importanti, che i mezzi per comunicare con il mondo, con i miei simili e non, sono altri, altrettanto efficaci, senza mai far male a nessuno, persona o cane che sia!

D. Lo hai imparato da solo?
R. Certamente no, sono un cane e la via più semplice per ottenere ciò che volevo sarebbe stata sicuramente una pinzata ben assestata al momento giusto… La mia umana di riferimento è stata fondamentale! Poi sono andato anche a “scuola”: quando ero piccolo vivevo in un Paese in cui tutti i cani, grandi e piccoli, andavano ad educazione. Ed era una festa! Poi il parco, quella che voi chiamate “la scuola della vita”, ha fatto il resto. Un folto gruppo di cani di tutte le taglie e razze, ben equilibrati erano i miei punti di riferimento.

D. Teo mi sembra di capire che tu non sia propriamente un cane “da divano”…
R. No. Mai voluto esserlo. Esistono cani o uomini da “divano”? Non credo. Anche io ho i miei momenti di relax, posso stare a casa solo, amo riposarmi quando sono stanco, ma non devi dimenticare che sono un cane, che i miei sensi hanno molto più bisogno dei tuoi di essere stimolati ogni giorno ed il modo migliore per farlo è uscire di casa! Perché il mio cervello si nutre di esperienze e senza questo tipo di nutrimento non potrei essere un cane felice.

D. Dimmi Teo, immagino che tu sia molto amato in famiglia, qual è il regalo più bello che ti abbiano fatto?
R. Te lo confesso: amo molto i miei simili e il regalo più bello è stato sicuramente l’arrivo di mio cugino peloso Willy. Nessun gioco è bello quanto lui. Con lui sono veramente io, senza filtri. Ogni minuto che passiamo insieme sono il cane che ho sempre voluto essere. Chiedimi se sono felice…

D. Teo sei felice?
R. Tento di esserlo ogni giorno: le mie giornate sono fatte di lunghe passeggiate, odori, incontri, contatti, giochi, appena possibile natura, buon cibo e coccole.

D. Cos’è per te la felicità?
R. La mia famiglia, la natura, i miei amici cani. La felicità è rispetto reciproco ed avere il diritto di essere me stesso. Un cane.

Maltesi Felici

Dogsportal Redazione

Dogsportal Redazione

Il portale italiano su cani, sport & società. info@dogsportal.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.