6 zampe, 4 polmoni, due cuori…un’anima! La formula magica di Stefano Battaglini.

Sono le 7.30, di un sabato mattina di Febbraio, i miei cani, Poldo bracchetto, redattore capo e Zora, Setter reporter del portale,  dormono ancora, mentre io sto scrivendo prima di andare a correre insieme a loro.

Ma non  è sempre stato così… anzi! Qualche anno fa, non solo non avrei mai pensato di poter correre con uno o due cani… ma proprio non avrei mai pensato di poter correre! Nella vita a volte, “invecchiando” si ringiovanisce un pò, spero che possa accadere a chiunque ne abbia voglia e che Dogsportal.it possa essere uno strumento utile in questo senso.

Uno dei primi passi da fare, quando si inizia una nuova attività, è informarsi, ed è cosi che  come molti, moltissimi amanti della corsa con il cane, ho scoperto Corri a 6 zampe.

Non conosco di persona Stefano per via delle distanze, non ancora, ma posso dire che sia una persona eccezionale, che mette cuore ed anima in quello che fa!

Qualche mese fa, ero ad una gara di Canicross, precisamente la prima gara del campionato Uisp a Lodi, mi stavo riscaldando con la mia setter Zora e ad un certo punto, un ragazzo con un border collie, si avvicina e mi saluta:

” Grande Stefano!! Finalmente ti conosco!!”

– sorrido-

ricambio il saluto e poi: “Ciao!! Grande tu! ma non sono Stefano!!”

Lui: “ahhhh scusa avete la stessa barba”.

Questo per dire, quanto  ad oggi sia diffuso ed   importante il suo lavoro di divulgatore di questa disciplina in Italia.

Stefano Battaglini sta al canicross come Siri sta all’Iphone, Stefano Battaglini è l’Aranzulla del Canicross 

Qualsiasi o quasi, domanda vi poniate su questa fantastica disciplina cinofila…troverà risposta nel suo sito!


 L’INTERVISTA:

 Chi è Stefano Battaglini?

Si inizia subito con una domanda difficile 😉

Un normalissimo, o forse no 😉

uomo di mezza età a cui piace molto ritagliarsi dei momenti da passare con se stesso ed a contatto con la natura.

Ecco perché la mia passione per la corsa a 6 zampe è proprio quello che fa per me.

È arrivato prima il cane o la passione per la corsa?

Prima il cane, poi la corsa ed ancora dopo la corsa con il cane.

I cani accompagnano la mia vita da sempre, la corsa invece solo dal 2010.

È infatti in quell’anno che ho smesso di fumare e, per aiutare il mio cammino verso la disintossicazione da fumo, ho iniziato a riempire le mie giornate con qualche corsa.

Anche se ho sempre fatto sport, la corsa non mi ha mai entusiasmato.  Anzi.  Diciamo che se dico che non mi piaceva affatto… beh, mi sto tenendo basso.

Insomma non ero mai riuscito a convertire la corsa da dolore a piacere.  Poi, nel 2010 qualcosa è scattato e da allora non ho più smesso. 

I primi passi nella corsa

I primi 2 anni ho praticamente fatto una gara podistica ogni domenica e ho sempre misurato ogni mio allenamento. 

Pesavo tutto, tempi, distanze, andature, tutto!

Ad un certo punto però, tutta quella meticolosa attenzione al cronometro mi ha stancato e ho iniziato a correre a sensazione, anzi a casaccio come dico io.

L’esperienza ormai c’era e quindi potevo benissimo permettermi di uscire a correre senza orologio e senza tempo.

Correvo e basta, un po’ come il mitico Forrest.  In quel periodo, Gaia la mia JRT di quasi 14 anni era giovane e qualche volta la portavo a correre con me, senza sapere proprio niente riguardo questa attività. 

Siccome però le mie erano esclusivamente uscite urbane, mi accompagnava solo quando andavo in una pista “recintata” di circa 1,2 km. 

In pratica visto il mio continuo correre su strade asfaltate ed anche trafficate, era logico non pensare al naturale abbinamento delle mie 2 passioni. 

L’arrivo di Ghigo.

Poi nel 2015, decido di domenica di fare un giretto di corsa per le campagne e, manco a farlo a posta, tac… t’incontro Ghigo, il cane che mi ha cambiato la vita e mi ha insegnato a Correre a 6 Zampe.

Quando nasce corri a 6 zampe? Rimarrà sempre un progetto “editoriale”?

Nasce subito dopo l’incontro con Ghigo.

Dopo le vicissitudini dei primi giorni, per chi non lo sapesse Ghigo ha rischiato seriamente la vita a causa del veleno per i topi che aveva mangiato prima che ci incontrassimo, ho incominciato a pensare all’idea di correre spesso insieme a lui. 

In fondo ci eravamo conosciuti proprio correndo insieme per più di un’ora, quindi la lampadina si era accesa.

Nel momento in cui però ho iniziato a cercare informazioni riguardo il modo di correre a 6 zampe in maniera sicura, divertente ed efficace, mi sono reso conto che non era assolutamente facile trovare nozioni utili, specie in italiano.

Fortunatamente la mia conoscenza della lingua inglese mi ha permesso di sopravvivere alle carenze iniziali ma, da buon campanilista quale sono, ho subito pensato che sarebbe stato bello aiutare tutti quelli che come me erano alla ricerca di informazioni corrette.

È praticamente subito nato il gruppo Facebook Corri a 6 Zampe che pian piano ha preso piede.  Poi ho iniziato a prendere contatti con gli esperti e tra tutti ho avuto la fortuna di beccare  Sara Gualco e Valerio Roveda, che da li a poco avrebbero tenuto uno stage sul canicross a Perugia.

Ho preso la palla al balzo e vi ho partecipato. Da li in poi è stato un continuo processo evolutivo, fatto anche di tante gare in giro per l’Italia e tanti allenamenti nel mio bel bosco, insieme a tante persone che avevano voglia di provare.

Una cosa tira l’altra fino alla creazione di www.corria6zampe.com, che senza peccare di modestia, credo sia diventato il riferimento italiano per quel che riguarda il canicross. 

Non so cosa diventerà ancora Corri a 6 Zampe.  Abbiamo in serbo alcune novità che per scaramanzia preferisco ancora non rivelare.

Arriva la prima gara ufficiale a Roma?

Anticipazioni sul percorso e consigli:

Si, proprio mentre rispondo a queste domande, sono nel bel mezzo dei preparativi della prima gara Romana di canicross.

Un evento tanto atteso in cui ci stiamo impegnando molto.

Cercheremo di fare tutto al massimo delle possibilità e siamo sicuri sarà una bellissima giornata di sport e condivisione.

Vogliamo che il prossimo 25 febbraio tutti i partecipanti, agonisti e non, si divertano in sicurezza e provino l’ebrezza di un percorso bello e divertente.

IL PERCORSO DELLA GARA ROMANA

Il percorso è lungo poco meno di 5 km con dei sali e scendi interessanti e tecnici.

Tranne i primi 600 metri in cui si correrà su di una mulattiera che costeggia il bosco, il resto della gara sarà immerso all’interno di un bosco magico fatto di alcuni passaggi veramente mozzafiato.

Potranno partecipare “tutti”.

Saranno infatti presenti la competizione agonistica, quella non agonistica ed anche la camminata.

Un’occasione unica per tutti, di godersi un bellissimo bosco con la tranquillità di poter contare su un’ottima organizzazione.  

Grosse difficoltà non ce ne sono.  Non è sicuramente un percorso pianeggiante ma abbiamo fatto in modo che le salite siano principalmente nella parte iniziale del tracciato.  In pratica si sale all’inizio per poter poi scendere alla fine.  Ad un esperto consiglio di puntare tutto sulla discesa tecnica che sta a metà del tracciato. Se sarà così bravo da non essere un “peso” per il proprio cane anche in questo tratto, allora ne trarrà sicuramente giovamento per la parte finale. Ai debuttanti consiglio di partecipare con tutta la tranquillità del caso. Non bisogna assolutamente pretendere di sapere tutto e subito. Venite, divertitevi e come abbiamo fatto anche noi all’inizio, rubate con gli occhi dai binomi più “anziani”.

Un auspicio per il futuro?

Un auspicio legato al nostro progetto è quello di aver sempre la voglia e l’entusiasmo che ci hanno spinti fino a qui.

Quello slancio sereno che fino ad ora ha permesso a C6Z di superare anche quegli attacchi gratuiti che il mondo della cinofilia non ci ha risparmiato.

A tutti coloro i quali si avvicinano al nostro sport auguro invece di poter trovare il giusto equilibrio e la misurata armonia con i propri cani che sono e devono essere sempre la cosa più importante.

La prestazione agonistica si ma mai mettere il cronometro al primo posto.

Ascoltiamo dunque i preziosi consigli di Stefano e per chi volesse partecipare alla gara del 25 febbraio ecco il link dell’evento su Facebook!


Per segnalazioni, correzioni e collaborazioni scrivici!

COLLABORA:

Che tu sia un esperto istruttore, un veterinario, un giovane educatore, un atleta, un blogger o un semplice appassionato di sport cinofili, puoi scrivere e collaborare per rendere Dogsportal.it un blog di riferimento per tutti.
Attenzione Dogsportal.it è un progetto ricco di passione, può provocare dipendenza.

Rocco Voto

Rocco Voto

Ideatore e fondatore di Dogsportal.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.