Cani da pastore e la prima esperienza sul gregge

Il primo impatto

di Riccardo Borroni

Cani da pastore e la prima esperienza sul gregge

I nostri antenati, un po’ in tutto il mondo, avevano un sistema bizzarro per capire cosa il fato, gli dei, i demoni o chi per esso, destinava loro…

Sacrificavano animali (e a volte anche altri esseri umani) e nelle loro viscere pretendevano di leggere il futuro loro riservato e la convinzione in cio’ che vedevano era talmente forte che effettivamente li predisponeva emotivamente a far accadere cio’ che era stato predetto.

Con i cani da pastore alla loro prima esperienza sul gregge accade più o meno questo, ossia quando per la prima volta  portiamo un cucciolo sul gregge molti tendono a cercare “segni divini” che indichino una particolare illuminazione del loro cucciolo.

Non e’ così che funziona!

La prima volta con un gregge

Innanzitutto le reazioni che cerchiamo in cucciolo, cucciolone o cane adulto la prima volta che viene esposto ad un gregge -piccolo o grande che sia- di animali, non vuol dire quasi nulla; inoltre i cani non si addestrano quasi mai da soli e per compiere il loro dovere occorre che il formatore umano sia preparato.

Preparato a fare che’ ?

Cani da pastore e la prima esperienza sul gregge

Direte…

Innanzitutto a riconoscere se il cane ha istinto….

Cosa e’ l’istinto per un cane da pastore?

L’ istinto e’ la capacita’ del cane di essere un cane da pastore, ovvero messo in condizioni ottimali, di fare in modo che il bestiame venga controllato in maniera autorevole ma tranquilla.

Tipicamente un cane dotato di istinto girera’ intorno alle pecore per riunirle e ad un certo punto cerchera’ un punto di equilibrio per fare sí che il bestiame si incammini nella nostra direzione e al variare della stessa, il cane aggiusterà la sua nuova posizione in base alla nostra nuova direzione.

Questo punto di equilibrio, definito anche “balance”, e’ la chiave di volta di tutto il nostro cosiddetto addestramento.

In pratica il nostro addestramento sfrutta questa inclinazione naturale dei cani.

Tale istinto  pero’ deve essere messo in condizione di svilupparsi grazie al nostro operato (e non NONOSTANTE come purtroppo accade spesso).

La prima volta, le prime volte anzi, che portiamo un cane sul gregge, questo istinto non e’ detto che si mostri, molto più spesso il cane avrà indifferenza, timore o a seguito di questo timore anche una forma di aggressività da auto difesa nei confronti delle pecore o infine potrebbe anche decidere di provare a fuggire a gambe levate.

Cani da pastore e la prima esperienza sul gregge

Se il cane scappa la prima volta?

Ricordo di aver preso in Scozia una cucciola di Border Collie anni fa per un allevatore di pecore veneto, la prima volta che la provai scappo’ dal campo appena vide le pecore…

Ora lavora con 800 pecore tutte le estati in Alpe e a detta del suo proprietario e’ il miglior cane che abbia mai avuto…

E’ importante quindi essere preparati e predisporsi mentalmente ad avere una mente libera quando si tratta di portare il proprio cane a “provare sulle pecore” ricordandosi che se il cane ha un istinto questo uscirà ad un certo punto, se invece il cane ha altri istinti ( indifferenza totale, gioco, caccia e altri) ma non quello “da pastore ” , ci sono tante altre attività che si possono svolgere assieme ad esso.

Sviluppare l’istinto e’ un affare delicato e per quanto tale istinto possa essere forte in un cane, bisogna saper accettare alcuni punti fermi:

Cani da pastore e la prima esperienza sul gregge

Cani da pastore e la prima esperienza sul gregge?

  • se l’istinto da pastore e’ presente uscirà 
  • se anche il cane e’ campione del mondo di obedience cio’ non vuol dire nulla quando si lavora col bestiame, le logiche di obedience e sheepdog nel cervello del cane devono essere separate.
  •  il nostro atteggiamento influenza il cane positivamente o negativamente.
  • saper leggere il linguaggio del cane e possibilmente comunicare con la stessa lingua e’ assolutamente più importante che avere un campione di obbedienza che per prestare attenzione a noi si dimentica di essere un cane da pastore.
  • controllare le emozioni e’ tutto…
  • Il cane da pastore e’ uno specchio di noi stessi, se e’ agitato il bestiame sarà agitato e incontrollabile e viceversa.
  • le pecore ed i terreni scelti per iniziare un cane sono importanti per tutto quello che verrà poi, quindi e’ bene scegliere accuratamente o affidarsi a qualcuno che lo sappia fare per noi… Per ora e’ tutto…. Alla prossima!
Dogsportal Redazione

Dogsportal Redazione

Il portale italiano su cani, sport & società. info@dogsportal.it

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: