Giochi di relazione con il cane: Parla

Di cosa si tratta

In questo esercizio insegniamo al cane ad abbaiare a comando.

Possiamo fare in modo di dirigere l’abbaio verso di noi o verso un target. Anche in questo caso la memoria di razza può essere un fattore discriminante nell’apprendimento dell’esercizio: alcune razze come il Basenji e le razze nordiche produrranno dei vocalizzi difficili da definire come abbaio. Ma, in linea generale, una volta che il cane abbia imparato l’esercizio, la ripetizione lo diverte un sacco e diventa facile farglielo fare.

A cosa serve

Oltre ad essere un altro esercizio che insegniamo al cane cementando così la nostra complicità, ci sono diverse situazioni in cui questa competenza ci può tornare utile: dall’avvertire il proprietario per l’arrivo di qualcuno all’impressionare un potenziale malintenzionato, dall’avvertire quando gli scappano i bisogni al segnalare al proprietario/conduttore di aver trovato qualcosa o qualcuno.

Costruzione

Al campo usiamo diverse tecniche per insegnare ad abbaiare a comando, alcune basate sulla frustrazione e alcune basate sul modellaggio e la pazienza. La scelta della tecnica dipende dal soggetto che abbiamo di fronte e, come linea generale, con cani molto “spinti” usiamo la frustrazione, con cani più tranquilli il modellaggio e tanta, tanta pazienza. In ogni caso, il punto di partenza è lo stesso, ossia, il cane che desidera con tutte le sue forze quello che abbiamo da offrirgli. Anche la struttura della costruzione è la stessa: il cane è ingaggiato su di noi per ottenere qualcosa che però non gli stiamo dando.

  1. Con cani sportivi: cane rigorosamente alla pettorina e trattenuto dal conduttore. Agitatore di fronte al binomio con oggetto desiderato non raggiungibile. Al primo cenno di vocalizzo, isolare il buon comportamento con il marker e dare l’oggetto. Attenzione però durate la fase di eccitazione a non avvicinarvi al cane per farlo abbaiare: pensando che il premio stia per arrivare infatti questi sarà concentrato sul prenderlo con la bocca e non abbaierà. Con cani meno “spinti” ce ne stiamo di fronte a loro, indifferenti, con il bocconcino in mano. Solitamente il cane offre tutti i comportamenti del suo repertorio per convincervi a sganciare il malloppo. Voi dovete continuare ad aspettare pazientemente e a mantenere l’attenzione del cane su di voi. Non appena il cane emette anche solo uno squittio, isoliamo il comportamento con il nostro marker e diamo un super premio.
  2. Una volta dato il premio, ripetere la sequenza, nella speranza che il cane riproponga l’abbaio. Siate pronti con il vostro marker a isolare nuovamente il comportamento, quindi premiate. 
  3. Nel momento in cui vi accorgete che il cane ha capito quanto gli state chiedendo, chiedete di più, aumentando intensità del suono e durata. Questo può essere un buon momento per inserire il “comando” per creare l’associazione con il comportamento. 

Attenzione

Alcune persone vogliono che il loro cane li difenda e vorrebbero addestrarlo alla difesa in ambito civile. Come Debù, sconsigliamo fortemente un approccio di questo tipo. Un cane addestrato alla difesa della persona è un animale completamente differente da un animale che ha imparato a mordere in ambito sportivo. Piuttosto che correre il rischio di avere un cane addestrato a mordere qualsiasi cosa gli passi davanti, avere un cane “sentinella” che avverta il proprietario della presenza di intrusi o di potenziali malintenzionati ci sembra una soluzione migliore. L’abbaio a comando, soprattutto durante la passeggiata è un ottimo deterrente in uno scenario di questo tipo. Se invece siete a casa, insegnare il comando “abbaia” associandolo al suono del campanello può essere utile per scoraggiare eventuali furfanti o la visita della suocera.

Buon divertimento e ricordate che i limiti del nostro cane sono dati dalla sua natura e dalla nostra fantasia

Davide Cardia

Davide Cardia

addestratore ENCI Sezione 1° Dog Trainer Professional riconosciuto FCC Direttore Tecnico del centro cinofilo Gruppo Cinofilo Debù Docente in diversi stage con argomenti legati alla cinofilia e alla sua diffusione Docente corsi di formazione ENCI per addestratori sezione 1 Ospite in radio e trasmissioni televisive regionali Preparatore/Conduttore IPO e Mondioring Autore del libro “Addestramento con il premio” edizioni De Vecchi Curatore del libro “Io e il mio Bullgod” edizioni De Vecchi

Un pensiero riguardo “Giochi di relazione con il cane: Parla

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *