Occhio alle svolte!

(esperienze di vita vissuta)

 

Svolta a destra, svolta a sinistra, 360, piroetta…fai una giravolta, falla un’altra volta. 

E fu così che il conduttore (io) finì per cascare al suolo con gli uccellini che gli svolazzavano attorno alla testa tipo cartone animato.

Vi racconto la storia delle svolte.

E di quando, ignara del calo pressorio che avrei subito per via delle suddette, feci un bel volo, ritrovandomi culo sull’erba (si può dire?!) con il musone peloso del mio cane che mi fissava dall’alto.

Della serie ”pronto, ci sei? Sei tutta intera?”.

 

Io penso: ”Giura che non lo racconti a nessuno.

Meno male che non puoi parlare, meno male che sei cane!

Se fossi una persona mi faresti un video a tradimento che diventerebbe virale all’istante!”

Mi rialzo guardandomi attorno per sincerarmi che la figura di m. non abbia avuto conseguenze indelebili.

Via libera, possiamo ricominciare!

Aria professionale e guardare avanti.

Peccato che il fango sui pantaloni parlasse per me. Dicono che il tessuto tecnico sia autopulente, bah…nutro i miei dubbi.

Divertenti le svolte, sì sì…

ma se ci prendete troppo la mano e, in uno slancio di entusiasmo, fate quel 360° in più, è un attimo finire col capogiro!

Una svolta alla volta miraccomando.

E portatevi la liquirizia sempre dietro (aumenta la pressione arteriosa, astenersi ipertesi).

Nei cartelli di rally obedience, le svolte sono quegli esercizi dove il cane deve rimanere ”al piede” quindi procedere in condotta al vostro fianco e compiere i cambi di direzione assieme a voi.

Opzione A

Il cane va a destra e voi andate a sinistra.
Belli fieri per aver compiuto correttamente la svolta, vi accorgete che il cane al vostro fianco non c’è.
Torna scondinzolante da chissà dove.
CHECK!
Ah ciao bentornato!
Dove sia andato a ”svoltare” ancora non lo so.

Opzione B:

Io sono mancina, a volte ho dei dubbi su quale sia la destra e quale la sinistra.
Devo pensare alla mano con cui scrivo e cose del genere.
Ho 30 anni (astenersi commenti grazie!).
Il tempo impiegato dai miei emisferi cerebrali assopiti per elaborare è bastato al cane per farmi capire che ero una lumacona.
CHECK!
Se siete come me, disegnatevi dei simboli sulle mani.

Opzione C:

Il cane vi sta talmente incollato alla gamba da esercitare una ”leggera” pressione e farvi inciampare nel cartello.
CHECK!

Simpatico il contatto stretto…

Opzione D:

svenimento! No scherzo, questa non l’ho provata sennò sarebbe il momento di darmi al burraco o ad altri sport meno avventurosi.


Se per caso volete provare ad imbastire un percorso ”fai da te” e quindi appoggiare i cartelli per terra chessò nel vostro giardino -se avete la fortuna di averlo- oppure a casa -se la metratura ve lo consente- assicuratevi di non mettere la svolta a destra se alla vostra destra c’è un muro di mattoni ma nemmeno a sinistra se a sinistra c’è la porta dello scabuzzino con dentro scope e secchio.

Il percorso potrebbe risultare breve e poco appagante.


W le papere!

ps. il cane non giudica, MAI!;)

LEGGI L’ARTICOLO PRECEDENTE DI ELISABETTA.


Per segnalazioni, correzioni e collaborazioni scrivici!

COLLABORA:

Che tu sia un esperto istruttore, un veterinario, un giovane educatore, un atleta, un blogger o un semplice appassionato di sport cinofili, puoi scrivere e collaborare per rendere Dogsportal.it un blog di riferimento per tutti.
Attenzione Dogsportal.it è un progetto ricco di passione, può provocare dipendenza.

Elisabetta Bergonzelli

Educatore cinofilo, Operatore di Pet therapy presso AMI.CO - Amici per la Coda

Avatar

Cosa ne pensi?

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: