I cani devono fare i cani. Quindi non metto il cappottino!?

Di Mirko Barrera

Ma anche i cani devono fare i cani quindi devono stare liberi, devono mangiare carne cruda, devono vedersela fra di loro e tanti altri luoghi comuni banalissimi.

Ve lo giuro, la frase “i cani devono fare i cani” non la posso più sentire.

Perché allora potrei rispondere che “gli uomini devono fare gli uomini” e quindi vivere in caverne o palafitte, lottare con le tribù confinanti e raccogliere bacche e cacciare cervi e cinghiali con le lance.

“i cani devono fare i cani”

è una frase spesso detta da una persona che vive in città, che magari dovrebbe accorgersi che l’habitat urbano non è quello selvatico, che il cane che vive in appartamento, magari non si è adattato alle basse temperature perché in casa fa più caldo che fuori.

Prendiamo un bel Pastore maremmano abruzzese che vive fuori tutto l’anno, oppure un bel border collie che in Scozia raduna le pecore. Sono abituati a stare al caldo d’estate ed al freddo d’inverno, sono SELEZIONATI per vivere fuori, HANNO UN PARTICOLARE TIPO DI PELO che gli consente di vivere all’aperto anche alle basse temperature e che li protegge dalla pioggia.

L’esempio

Per farvi arrivare subito al dunque, vi racconto cosa successe qualche anno fa ad un mio cliente:

Bracco italiano, cucciolone, pelo raso, abituato a vivere in casa ad una temperatura di 20 gradi circa. Era uno di quegli inverni in cui al mattino si scendeva fino a meno dieci, meno quindici gradi. Facendo un semplice calcolo matematico, 20 – (15) = 35. Uno sbalzo termico di ben 35 gradi. Il cane in questione svenne per strada. Non capita a tutti, d’accordo, ma a molti vengono tracheite, raffreddori, bronchiti. Per sopportare uno sbalzo del genere, bisogna farsene una ragione e mettere qualcosa al cane. Bisogna farlo per loro, non lo stiamo facendo per noi.

Un cane piccolo, tipo pinscher ad esempio, oppure un bassotto a pelo raso, con quel pelo cortissimo, quando le temperature sono prossime allo zero, vivendo in appartamento, non sono “attrezzati” per passare l’inverno senza problemi.

Dicevo che bisogna mettere qualcosa, ma cosa?

Qui si apre un mondo, purtroppo un mondo fatto di eccessi.

Personalmente amo la semplicità, un maglioncino, un impermeabile anche tecnico, un cappottino.
Bisognerebbe, opinione personale, vestire un cane senza trasformarlo in un bimbo.

Maglioncini di cachemire, giacche di pelle, felpe col cappuccio, roba che costa dai 100 euro fino ai 1000 ed oltre…dai non siamo ridicoli…

oppure ammettiamo che lo facciamo per appagare il nostro ego, perché se metti il maglioncino di  cachemire al cane e poi non lo porti sull’erba o lo tieni in braccio perché se no si sporca, un po’ stronzo lo sei…
Apro una piccola parentesi per i vestiti estivi. Si avete letto bene: vestiti estivi. T shirt con loghi , salopette, abitini, gonnelline, camicette che si mettono ai cani in primavera/estate. Fatevi curare.

In conclusione, mi rivolgo soprattutto agli uomini, perché spesso solo loro la fonte del problema: mettere un impermeabile al cane se piove a dirotto, non vi rende meno virili, meno macho, non ve lo fa accorciare. Semplicemente non fate venire il raffreddore al cane e lo asciugate in cinque minuti anziché in mezz’ora.

I cani, essendo cani, non possono far altro che comportarsi da cani. Tocca a noi rispettare la loro natura e non trattarli da pupazzi o da bambini.

Cronache di negozio di Mirko Barrera

I cani devono fare i cani. Quindi non metto il cappottino!?

Ve lo giuro, la frase “i cani devono fare i cani” non la posso più sentire.

Alla fine mangiano la cacca…

Il cane è schizzinoso? Il cane ha il palato raffinato? Parliamone….

Cronache di Negozio incontra Dog +, storico negozio di Nichelino!

Per la rubrica “Le interviste di cronache di negozio”, intervisteremo oggi Giulio Menegazzo, titolare dello storico petshop di Nichelino Dog+

Mirko Barrera

Mirko Barrera

"Cosa faccio? Dove vado? Domande interessanti, a cui da sempre ogni essere umano cerca di rispondere. Per quanto mi riguarda,posso dire di essere un cinofilo a tempo pieno. Sono un addestratore,pratico diverse discipline cinofile,sono docente in diversi corsi di formazione per addestratori,ed ho un negozio di articoli per animali che mi ha ispirato a scrivere questa rubrica!"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *