Area cani: la guida galattica per tutti i frequentatori


Area cani, frequentiamola ma con giudizio.

Area cani?
A cura di Alice Sciarrone

Foto di Alice Sciarrone

Arriva il weekend, tornano le giornate di sole, ci si risveglia dal letargo invernale con la ritrovata voglia di passeggiate, aria pulita, relax e divertimento…soprattutto per chi, come me, vive con un cane!                    

Indosso i miei scarponcini infangati e mi dirigo, con Molly, verso il nostro parco preferito.                           

Passeggiando superiamo l‘area cani: uno sguardo fugace alla rissa che si sta consumando all’interno, fra due cani, ci convince a proseguire la nostra camminata verso nuovi lidi.

Molti pensano che le risse e gli scontri siano inevitabili in area cani, eppure non è così: basta un po’ di informazione, alcuni piccoli accorgimenti, la ricerca di alternative e anche le zone comuni possono diventare vivibili.

Dobbiamo osservare chi è già dentro l’area cani

La prima, importantissima cosa a cui fare attenzione (e di cui spesso ci dimentichiamo) è considerare chi si trova già all’interno dell’area e chiedere il permesso di entrare.

Sembrerà banale, eppure esistono cani a cui gli altri cani non piacciono, o che non si sentono pronti ad un confronto, e che per mille motivi hanno bisogno di un po’ di tempo da soli.

Non sottovalutiamo questi bisogni e proviamo a rispettare i loro spazi.

Una volta che altri occupanti ci avranno dato una risposta positiva, ci saranno comunque alcuni particolari a cui fare attenzione. 

Uno spazio limitato che può diventare stressante per il cane

L’area cani rimane pur sempre un recinto, e la comunicazione dei nostri cani è fortemente influenzata dagli spazi, dalla loro delimitazione e dal numero di cani presenti (così come accade al guinzaglio!): queste condizioni possono risvegliare territorialità, possessività, competizione o insicurezze e quindi dare vita a scontri, che quasi mai sono una bella esperienza per i nostri amici.                                                                     

Non lanciamo la pallina o altri giochi in presenza di altri cani

Evitiamo quindi di tirare fuori dalla borsa giochini, palline, biscotti (anche solo di lanciare il semplice legnetto trovato a terra) in presenza di altri cani, se non vogliamo dar vita ad inutili scontri, e se ci troviamo in presenza di una rissa, ricordiamoci che alzare la voce o strattonare o prendere in braccio il cane possono enfatizzare le loro reazioni, invece di placarle.

Foto di Alice Sciarrone

Osserviamo sempre il nostro cane

Allo stesso modo, è importante fare attenzione a quello che il nostro cane ci comunica e che comunica agli altri cani: spesso si tende a pensare che più cani in movimento ci siano in area,  più i nostri amici si divertano.

In realtà ogni cane è un individuo unico e complesso, con le sue preferenze, con i suoi bisogni, ed anche con le sue antipatie:

non sempre l’eccessivo movimento è sinonimo di “gioco”

così come la calma non deve essere vissuta negativamente come “svogliatezza”.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                          

Soprattutto quando si adotta un cucciolo, l’area cani può diventare un’arma a doppio taglio: è il luogo dove il nuovo arrivato può ricominciare a socializzare e a conoscere nuovi amici, ma allo stesso tempo, facendo le esperienze sbagliate, può uscirne insicuro e con un’idea negativa degli altri cani.                                       

In area cani non sono ammesse distrazioni

Cerchiamo quindi di non distrarci in area cani, ma di tenere d’occhio il nostro amico a 4 zampe e, conoscendolo, di provare a metterci nei suoi panni cercando di capire se sia l’esperienza adatta a lui in quel momento.                                                                                                                                                              Se ci troviamo in difficoltà nel capire cosa il nostro compagno vuole dirci, esistono appositi incontri di socializzazione/comunicazione organizzati da educatori ed istruttori cinofili, pronti a darci una mano nel comprendere i suoi bisogni e a permettergli di comunicare in un ambiente controllato e protetto, in compagnia di cani competenti.

Saphira, golden retriever adulto ed equilibrato, in socializzazione con i cuccioli durante le classi di Orma di Maya asd

E se l’area cani inizia ad andarci stretta?                                                                                                                          Niente di meglio di una bella passeggiata insieme nei boschi, in montagna, al fiume, su per sentieri e prati da esplorare!                                                                                                                                                                             

Formare un gruppo di cani ed umani amici, condividendo insieme nuove esperienze “da cani”, permette ad ogni cane di trovare un proprio ruolo durante la passeggiata e di viverla in modo sereno e rilassato.    

    

Io e Molly, infatti, con il tempo abbiamo capito che siamo più tipe da passeggiata che da area recintata:

ci piace scovare vie inesplorate, seguire piste olfattive, camminare in mezzo alla natura da sole o insieme ai nostri amici.                                                                                                                                                                       

Il mondo fuori dall’area cani è ricco e vario

In fondo perlustrare, annusare, camminare, infangarsi insieme non può che appagare i nostri cani, e dare a noi la possibilità di fare della sana attività fisica e di condividere momenti piacevoli insieme a loro: a noi la scelta!

Foto di Alice Sciarrone

Per segnalazioni, correzioni e collaborazioni scrivici!

Alice Sciarrone

"Quando arriva il primo vero cane è come se un uragano stravolgesse la tua vita, chiedendoti di cambiare in meglio. Così è successo a me con Molly, meticcia di 3 anni, un concentrato di energia con un caratterino spigoloso e dolce allo stesso tempo. Sono Educatore Cinofilo e Dog Sitter da qualche anno, ma da quando vivo con lei ho iniziato ad interessarmi sempre più alla visione del cane in quanto tale, ed alla sua comunicazione: un mondo magico fatto di odori, suoni, movimenti, sguardi, che non smette mai di stupirmi. Per questo continuo sempre ad imparare dai cani e a lasciarmi coinvolgere nel loro mondo di perlustrazioni nella natura, piste olfattive, bagni nel fango e nei torrenti: spesso seguendoli con la mia fidata macchina fotografica, occupandomi anche di Dog Photography, per cogliere in uno scatto l'emozione di essere cani!"

Avatar

Cosa ne pensi?

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: