Piccoli cani? Tanta energia! Istruzioni per l’uso

Topermann?

Diciamo subito che la definizione Topermann l’ho rubata all’amica Valeria Rossi che a sua volta credo l’avesse rubata a Denis Ferretti, ma è talmente bella che non ho saputo resistere.

In questa categoria troviamo tutti (sempre citando Ferretti) i pinzer e le sue varietà pintzer e i cihwaua o ciuaua.

La verità è che è difficilissimo trovare in canile un vero Chihuahua ed un vero Zwuergpinscher.

Intanto perché, come al solito, chi prende un cane di razza, ossia con Pedigree, lo fa con cognizione, spendendo soldi e cercando un buon allevamento: diventa difficile che dopo tanta fatica quella stessa persona si sbarazzi del suo piccolino.

Quello che possiamo trovare invece in canile è la cucciolata dei privati che probabilmente già prima avevano un Topermann

e che volevano ad ogni costo trovare un marito alla loro piccola.

La tipica famiglia del Topermann

Una volta arrivati i cuccioli, la conseguenza è questa. Come abbiamo scritto più volte, in termini affettivi, quello che può dare un cane blasonato non è diverso dal rapporto che potete avere con un meticcio.

Per questo motivo e per il fatto che si tratta di cani di dimensioni ridotte, i nostri Topermann hanno più probabilità di essere adottati rispetto ad altre simil-razze.

Le caratteristiche del Topermann

Foto di Shawna Yesko da Pixabay

Ma vediamo quali sono le loro caratteristiche e cerchiamo di capire cosa ci stiamo portando a casa.

Gli uni messicani e gli altri tedeschi, hanno in comune di essere micro cani abbaiatori.

Inoltre, quando diciamo ai soci del Debù Topermann-muniti che anche il loro cane deriva dal lupo, solitamente strabuzzano gli occhi.

È chiaro che del lupo molto l’hanno perduto, come del resto gli uomini dalle scimmie (sebbene molti casi ci dicano il contrario), ma l’origine è quella.

Patiscono il freddo per cui amano starsene a casa, peccato siano pieni di energia che va gestita.

Il compianto Boscov, allenatore di calcio, diceva che se un uomo preferisce stare con la sua donna invece di guardare una finale di calcio, forse quello è vero amore, ma lui non è un vero uomo.

Traslando questo pensiero, questi cani piacciono soprattutto alle donne mentre i maschi sapiens non li considerano nemmeno cani.

Piccoli cani, tanta energia

Eppure, quelle dimensioni bonsai racchiudono un carattere fiero e guerriero e soprattutto i simil-pinscher pare non abbiano paura di nessuno che sia più grande di loro (anche perché trovare qualcuno di più piccolo è veramente difficile).

La difficoltà del sapiens nel rapporto con queste razze è quella di ricordarsi che si tratta di cani e quindi di trattarli come tali.

Borsette, scarpine e unghie pittate ne offendono la dignità.

Per fortuna quando subiscono queste cose, i cani si vendicano, trasformandosi in spietati despoti tra le mura domestiche.

Ottimi compagni, se rispettati.

Quando gestiti bene, hanno un carattere gioioso, sono giocosi ed hanno un’intelligenza vivace. Sono quindi ottimi compagni di vita e, perché no, adatti ad un sacco di attività ludico sportive. Grandi amici dei bambini di casa perché sempre pronti al gioco e all’azione, ma da cuccioli sono piuttosto delicati: attenzione quindi alle manipolazioni grossolane

… e soprattutto, se volete dormirci insieme, fate attenzione a non trasformarli in sogliole.

Davide Cardia

Davide Cardia

addestratore ENCI Sezione 1° Dog Trainer Professional riconosciuto FCC Direttore Tecnico del centro cinofilo Gruppo Cinofilo Debù Docente in diversi stage con argomenti legati alla cinofilia e alla sua diffusione Docente corsi di formazione ENCI per addestratori sezione 1 Ospite in radio e trasmissioni televisive regionali Preparatore/Conduttore IPO e Mondioring Autore del libro “Addestramento con il premio” edizioni De Vecchi Curatore del libro “Io e il mio Bullgod” edizioni De Vecchi

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: