In Montagna con il Cane – L’intervista a Davide Berti

di Ylenia Zampieron

Valli del Pasubio

“In Montagna con il Cane” è un progetto dedicato agli appassionati della montagna che desiderano condividere l’esperienza con il proprio amico a 4 zampe. E’ un corso, diviso in moduli formativi che mira a preparare cani e conduttori ad un approccio consapevole e responsabile alla montagna, nel rispetto del cane e di chi incontriamo sul sentiero.

Per farvi capire di cosa stiamo parlando abbiamo pensato di farvi conoscere i Relatori di questo progetto, iniziamo con Davide Berti, la nostra Guida sui Sentieri. Conosciamo Davide in una sera d’inverno nella sede CAI di Bassano del Grappa: persona carismatica, che infonde tranquillità solo ad avercelo affianco, entusiasta e propositivo, insomma come si dice “Buona la Prima!”. Lasciamo a lui la parola….

Ciao, ci racconti qualcosa di te?

Ciao! Sono nato e vivo a Bassano del Grappa. Grazie alla passione che mi hanno trasmesso i miei genitori, vado in montagna praticamente da sempre. Frequento e collaboro da più di 20 anni la sezione CAI di Bassano, dove ho acquisito i titoli di Operatore Naturalistico Culturale e Accompagnatore di Escursionismo, e sono istruttore sezionale presso la locale Scuola di Alpinismo. Professionalmente, dopo la laurea in Scienze Naturali, lavoro nella pubblica amministrazione e dal 2011 sono Guida Naturalistica, poi Guida Ambientale Escursionistica all’interno di AIGAE (Ass. Italiana Guide A.E.)

Cosa non manca mai nello zaino per le tue escursioni?

La testa! A parte le battute, sono ormai quasi 30 anni che percorro itinerari in montagna e in ambiente in ogni stagione e in modi diversi, dalla camminata allo scialpinismo, e l’esperienza mi ha insegnato che alcuni oggetti sono veramente indispensabili: un coltellino, una pila, un berrettino, guanti (anche d’estate: io soffro il freddo alle mani), una giacca antipioggia (anche se c’è il sole), qualcosa da bere e da mangiare, una mappa della zona, un minimo di pronto soccorso… Sembrano parecchie cose, in realtà è tutto ormai piccolo e leggero e possono fare la differenza.

Da dove nasce l’idea di diventare Guida Ambientale Escursionistica? Qual è il tuo percorso?

Di fondo c’è il desiderio e il piacere di condividere e di far conoscere quanto può essere bello ed emozionante l’ambiente naturale, la montagna in particolare ma non solo. All’inizio nell’ambito del volontariato, all’interno del C.A.I., non professionistico ma sempre professionale; poi anche come guida, superando uno specifico esame nel 2011 (allora a livello regionale) e poi entrando nell’ambito di AIGAE.

E l’amore per i cani?

Ronas (5 anni) e Babà (10 mesi) sono 2 pastori delle Shetland, con cui “provo” a fare agility. Con il più grande però andiamo volentieri in montagna, in tutte le stagioni ed è diventato un modo nuovo di vivere questo ambiente, un po’ più “slow” ma anche più divertente.

Ma andiamo sullo specifico: Progetto “In Montagna con il Cane” che ne pensi? Che idea ti sei fatto quando ti hanno proposto di partecipare al progetto come relatore?

In realtà, nel 2015 a Bassano abbiamo avuto un’idea analoga, sviluppata all’interno della locale sezione del C.A.I., in collaborazione con un educatore cinofilo. Andare “in montagna con il cane” è comunque una forma di escursionismo, che si parta dall’escursionista che va già in montagna e vorrebbe farlo anche con il suo “peloso”, oppure colui che ha un cane (o più d’uno) e vuole iniziare a frequentare un ambiente diverso. L’importante è dare a tutti le informazioni corrette e utili per svolgere un’attività nel modo più sicuro possibile.

Quale sarà il tuo ruolo all’interno del progetto “In Montagna con il Cane”? Che argomenti tratterai?

Il mio ambito sarà fornire quelle indicazioni fondamentali per individuare e preparare al meglio un’escursione che sia adatta al binomio. Alcuni fondamenti per leggere una cartina topografica, un bollettino meteo, una relazione di un sentiero, la scelta dei materiali, una frequentazione consapevole della montagna e più in generale, dell’ambiente.

Cosa pensi di poter trasmettere, grazie alla tua preparazione, ai corsisti che parteciperanno al progetto?

Mi auguro innanzitutto di riuscire a comunicare in modo efficace quelle nozioni di cui parlavo prima e soprattutto un metodo, o un modo di pensare che poi possa essere applicato di volta in volta. Spero poi anche di riuscire a trasmettere la passione per la montagna che accomuna noi relatori: quella non si può insegnare…

Cosa ti piacerebbe “portare a casa” da questa esperienza come relatore all’interno del progetto “In Montagna con il Cane”?

Ogni volta che mi trovo di fronte a delle persone, alle quali devo comunicare dei concetti o delle esperienze, cerco sempre di suscitare un interesse e un dialogo, in modo che anche loro possano trasmettere qualcosa a me dalle loro esperienze.

Se ti chiedessimo di descriverti con una frase, cosa diresti?

Nonostante tutto, ancora idealista!

Per concludere vorremo chiederti qual è l’Emozione che provi quando arrivi sulla cima?

Non voglio fare lo splendido o il nobile, per cui confesso che la prima, vera, emozione che molto spesso si prova arrivando in vetta è un sospiro di sollievo! Poi ti fai prendere dal panorama di ciò che sta intorno a te, specialmente se sai che è dato a vedere a pochi (sempre se non è nuvoloso…). Infine, immancabile, sopraggiunge la fatal domanda: “da dove si scende?”.

Tutte le info su IN MONTAGNA CON IL CANE, potete rimanere aggiornati cliccando LIKE sulla pagina Mountain Dog Walk.

Ylenia Zampieron

Nata a Bassano del Grappa il 4 Febbraio del 1986, Dog Trainer Professional riconosciuto FCC, Educatore CSEN e Istruttore Cinofilo presso il Centro Borgocinofilo Mikamale di Padova. Da sempre affascinata dal mondo animale e in particolare da quello cinofilo. Comincia il percorso assieme al suo AustralianCattleDog in Protezione Civile come Unità Cinofila da Soccorso, per ampliare in seguito le sue conoscenze del mondo dei cani. Amante della montagna coordina il progetto MountainDogWalk.

Ylenia Zampieron
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: