IL CANE REATTIVO: LA TRILOGIA.

di Patrick Gourdain 

Con questo articolo chiudo la trilogia sui cani reattivi illustrando i vari esercizi per la rieducazione del cane.

Nel precedente articolo  avevamo visto come insegnare al cane a tornare indietro nell’avvicinamento ad un target (uomo o cane) a lui sgradito, con questi esercizi lo porremo in una serie di situazioni via via più difficili cercando di ottenere sempre il comportamento di tornare indietro di fronte al target.

Esercizio 1 – Target fermo

  1. Partenza da una zona di confort per il cane ed avvicinamento al target;
  2. al primo segno di disagio (coda alta, annusare, guardare il proprietario, fissazione etc.) ci si ferma e si aspetta che il cane torni indietro;
  3. quando lo fa si marca il comportamento e si va via;
  4. un minuto di relax e gioco;
  5. si riparte dal punto 1.

Lo scopo dell’esercizio è che il cane torni indietro, non importa a quale distanza dal target.

Esercizio 2 – Avvicinamento al target in modo perpendicolare

Questa volta il nostro target si muoverà lungo una linea retta perpendicolare alla direzione da cui arriva il nostro cane ed andremo a ripetere tutti i punti dell’esercizio precedente.

Anche qui lo scopo è sempre che torni indietro come per l’esercizio 1, può accedere che sia necessario aumentare la distanza di partenza visto che l’esercizio è più complesso.

Esercizio 3 – Avvicinamento al target in avvicinamento frontale

Questo è l’esercizio finale, l’avvicinamento del cane al target è frontale ed è l’esercizio più complicato. I punti sono sempre gli stessi ma questa volta il target deve replicare il comportamento del cane in avvicinamento, vale a dire:

  • se il cane avanza il target avanza;
  • se il cane si ferma il target si ferma;
  • se il cane gira indietro, il target gira indietro;
  • se il cane parte all’attacco … beh è meglio che il target non faccia la stessa cosa.

Da qui arriveremo al punto in cui il nostro cane inizierà ad avvicinarsi gradualmente fino a provare a passare oltre, è importante che il passaggio avvenga con traiettoria circolare (all’inizio il cerchio è veramente grande non potete sbagliare).

Per strada

Ora che il nostro cane ha fatto pratica in un ambiente simulato ripetiamo il tutto per strada, vi ricordo che se al campo gli esercizi funzionavano per strada si riparte da quelli facili perché l’ambiante è diverso.

http://www.theyellowdogproject.com/Home.html

Una cosa che mi piace molto proporre e spero prenda piede in Italia è “the yellow dog project” (http://theyellowdogproject.com/  ) che consiste nel mettere un fazzoletto giallo sul guinzaglio per dire alla signora che si incontra per strada con o senza il suo simpatico cagnolino, di non tentare di abbracciare il vostro mastiff di 60Kg reattvo al grido di “che beeeeellllo puccettone” perché a lui non va.

Cultura cinofila e tecniche di addestramento

  

L’utilità degli esercizi “inutili” e la gratificazione sociale.

Parliamo di tutte quelle azioni completamente inutili che spesso si insegnano al cane e che talvolta vengono derise da esperti del settore.

  

Pedigree questo sconosciuto. Chiariamolo, senza pedigree non c’è razza!

Il discorso pedigree ormai viene definito da tanti come un “argomento trito e ritrito” ma evidentemente non lo è ancora abbastanza se nel 2018 c’è ancora chi compra “cani di razza” senza pedigree!

  

I sette pilastri della socializzazione

Una linea guida, per far vivere al cucciolo solo esperienze positive.

  

IL CANE REATTIVO: LA TRILOGIA.

Con questo articolo Patrick Gourdain conclude la trilogia sul cane reattivo.

  

I 10 comandamenti dell’ingaggio.

In questo articolo Davide Cardìa ci parla dell’importanza dell’ingaggio

Dogsportal Redazione

Il portale italiano su cani, sport & società. info@dogsportal.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *